logo

 

LUNEDI  NO MEAT

niente carne per un giorno

 

 

 
 

piramide‘Il 16 Novembre 2010 a Nairobi, Kenia, l'Unesco ha iscritto la Dieta Mediterranea nella lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell'Umanità, riconoscendo tale patrimonio appartenere a Italia, Marocco, Grecia e Spagna. Nel novembre 2013 tale riconoscimento è stato esteso a Cipro, Croazia, e Portogallo. (Wikipedia)’

Con il termine dieta si vuole descrivere uno stile di vita e delle abitudini alimentari sani. Regole ispirate alla tradizione mediterranea, alla cultura dei contadini, i quali si nutrivano dei prodotti della terra, di cibi naturali, rispettando stagionalità e tempi di raccolto. Alimenti freschi, vita all’aria aperta e rispetto della natura. L'Italia e il Meridione in particolare è pertanto depositario inconsapevole di uno stile alimentari le cui virtù sono prese a modello in tutti i Paesi del mondo.

Cardine della dieta mediterranea sono i cereali, i legumi, 5 porzioni di frutta e verdura di stagione al giorno e il consumo di frutta secca. Senza dimenticare sport e tanta acqua! Le proteine rivestono un ruolo importante ma non sono alla base della piramide alimentare, rappresentando il 10-12% del fabbisogno giornaliero e devono provenire da fonti vegetali oltre che animali.

Vediamo nel dettaglio i nutrienti della Dieta Mediterranea:

  • Carboidrati: 50-55% del totale
  • Proteine: prevalentemente di origine vegetale; 10-12% del totale
  • Grassi: inferiori al  30%, prevalentemente monoinsaturi
  • Fibra alimentare: abbondante
  • Elevato contenuto in anti-ossidanti
  • Moderato apporto di sodio (sale), elevato di potassio ed altri minerali

Le regole da seguire sono semplici:

  • Consumare il primo piatto di pasta preferibilmente integrale e variare alternando tutti i cereali integrali
  • Evitare di condire i cibi con troppi grassi e preferire l'olio di oliva anche per le fritture
  • Utilizzare verdure fresche, di stagione e di produzione locale
  • Utilizzare le erbe aromatiche fresche e le spezie e diminuire il sale
  • Preferire assolutamente i prodotti tipici a salvaguardia del nostro patrimonio non solo gastronomico, ma anche culturale
  • Mettere in tavola una varietà di colori, odori e sapori
  • Preferire il pesce alle carni, le carni bianche a quelle rosse
  • Consumare i legumi 4 volte a settimana
  • Gustare un bicchiere di vino rosso ai pasti

La dieta mediterranea può avere effetti favorevoli nella prevenzione delle seguenti patologie:

  • Obesità
  • Diabete
  • Iperlidemia
  • Ipertensione
  • Aterosclerosi
  • Alcuni tipi di tumore