logo

 

LUNEDI  NO MEAT

niente carne per un giorno

 

 

salute

 

Godi dei benefici per la salute apportati da una dieta priva di carne

L’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (OMS/FAO) hanno riscontrato che una dieta a basso consumo di carne, uova e latticini e ad alto consumo di frutta e verdure, è associata a un rischio minore di malattie cardiache, osteoporosi, diabete di tipo 2 e vari tipo di cancro.
Una dieta prevalentemente di origine vegetale, ricca di fibre, acido folico, antiossidanti, è associata anche a concentrazioni più basse di colesterolo nel sangue, a una minore incidenza di ictus, a quantità minori di colesterolo totale e LDL, a pressione sanguigna più bassa e a una minore quantità di grasso corporeo.
Dire No alla carne per un giorno determina una riduzione del consumo del 15%.
E' un piccolo cambiamento nelle abitudini quotidiane che rappresenta un grosso passo avanti nella prevenzione di malattie croniche e un significativo contributo per diminuire la spesa sanitaria! Unisciti a noi...

 

 

                            fame-nel-mondo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Meno carne consumiamo più persone possiamo sfamare!
 

In questo momento 870 milioni di persone, 1 su 8, soffrono di malnutrizione cronica. Nonostante ciò, l’80% dei terreni agricoli del mondo è utillizato per coltivare foraggio destinato agli animali d’allevamento. Se tutti quanti sul Pianeta Terra ricavassero il 25% del proprio fabbisogno di calorie da prodotti di origine animale, soltanto 3.2 miliardi di persone avrebbero cibo per nutrirsi. Ridurre questa percentuale al 15% significherebbe sfamare 4.2 miliardi di persone.

Occorrono 10kg di cereali e 16.000-22.000 litri di acqua per produrre 1kg di carne!

Dire No alla carne il Lunedì riduce il consumo personale di carne del 15% aiuta a diminuire la richiesta globale e rende disponibili suolo e risorse per produrre più cibo per tutti.

 
nocpest
                                                               foto Marzia Trusso
 

Risparmia e riattiva l’economia

'Lunedì No Meat - Niente carne per un giorno' rappresenta l'opportunità perfetta per decidere di fare scelte alimentari consapevoli.

I benefici sono innumerevoli e di varia natura.

E' stimato che il costo della carne sia aumentato del 10% dal 2007 e tra i fattori che contribuiscono a questo incremento non è da sottovalutare il prezzo del trasporto dei prodotti dagli stabilimenti alle nostre tavole.

Un piatto a base di verdure, cereali e legumi ha un costo decisamente inferiore rispetto ad uno a base di carne ed è sicuramente più sempice e conveniente acquistare frutta e verdura ad un mercatino locale.

L'Italia vanta un mercato ortofrutticolo d'eccellenza, prodotti a marchio DOC, DOP, IGT, la cosidetta 'filiera corta'. “Il mercato del biologico è un fattore di successo per l’economia italiana” spiega Fabrizio Piva, amministratore delegato Ccpb: “se la contrazione generale dei consumi e la crisi economica persistono, il bio invece continua la sua crescita inesauribile. Questo significa che dobbiamo puntare ancora di più sull’innovazione di prodotto e di filiera” (AgroNotizie 27 Ago 2014).

Scegliere di dire No alla carne il Lunedì aiuta a risparmiare e attiva l'economia locale!

 

 

 

 

 

 

muccheg

 

Secondo il Worldwatch Institute 56 miliardi di animali in tutto il mondo sono allevati ed uccisi ogni anno per finire sulle nostre tavole e milioni ancora per latte ed uova.
Una produzione in così larga non sarebbe possibile senza l'impiego di metodi industriali per l'allevamento del bestiame, conosciuti come allevamenti intensivi o allevamenti lager.
Questi metodi non tengono conto del benessere degli animali, i quali vivono imprigionati, senza mai godere di esercizio fisico, aria aperta o socializzazione. In simili condizioini di sovraffolamento gli animali vengono tenuti "in salute" con dosi regolari di antibiotici, tracce dei quali possono essere riscontrate anche nelle carni che mangiamo. Il largo impiego di tali farmaci è stato associato a fenomeni di resistenza agli antibiorici da parte dei batteri e recenti studi hanno confermato che il trasferimento di batteri resistenti e di geni di resistenza dagli animali all’uomo attraverso gli alimenti di origine animale rappresenta una problematica emergente per la salute pubblica.
Dicendo NO alla carne il Lunedì ognuno di noi puo salvare 15 animali all'anno e decidere di non supportare gli allevamenti intensivi. 

copertina

 Foto: Marzia Trusso

'Lunedì No Meat - Niente carne per un giorno' è una campagna di sensibilizzazione a favore dell'ambiente, della natura, della salute e dei popoli più bisognosi. Il nostro progetto trae ispirazione dal movimento globale Meatless Monday, nato negli Stati Uniti nel 2003 e attivo già in 36 Paesi. 'Lunedì No Meat - Niente carne per un giorno' fa di noi il Paese numero 37...Meatless Monday Italia!

L'industria della carne, che rispetto alla prima metà del Novecento registra una produzione cinque volte maggiore, produce i danni maggiori al nostro Pianeta. Gli allevamenti intensivi utilizzano infatti quantitativi esorbitanti di risorse (acqua, combustibile, terreno, elettricità), generando ingenti quantitativi di gas ad effetto serra e rilasciando nell'Ecosistema scarti di produzione altamente inquinanti. Per fare spazio agli allevamenti e ai campi di foraggio destinati al bestiame si sta assistendo al disboscamento di intere foreste, come quella Amazzonica. Tutto questo mette a rischio il delicato equilibrio del nostro Pianeta. I cereali coltivati ad uso e consumo del bestiame potrebbero peraltro essere utilizzati per sfamare quelle nazioni che al momento sono più bisognose.

Pensate che per produrre un solo hamburger occorrono 3kg di cereali/foraggio, 240 litri d'acqua, 7 metri quadri di terreno e 1.092kilojoule di energia fossile.

Un eccessivo consumo di carne è dannoso anche per la salute della singola persona, aumentando i rischi di malattie croniche prevenibili (diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari, cancro) e il tasso di obesità infantile.

La campagna Lunedì No Meat vuole dire NO alla carne il Lunedì: un piccolo gesto che produce risultati enormi. Dicendo NO alla carne il Lunedì possiamo determinare una riduzione del consumo della carne del 15% aiutando così la nostra Salute, il Pianeta e il Prossimo. 

Mettiamo in tavola legumi, cereali integrali, verdura, frutta, semi oleosi e frutta a guscio, così come la Dieta Mediterranea suggerisce. Lunedì No Meat è l'occasione per riscoprire gli alimenti  locali, a km 0, ovvero i prodotti che ci rendono famosi in tutto il Mondo e fieri di essere italiani. Valorizziamo le nostre tradizioni e la cultura del mangiar sano e aiuteremo anche la nostra economia.

Quanti benefici con un Lunedì No Meat!